Dati personali e altre cazzate che vi hanno rubato

Ok, a questo punto avrete senz’altro appreso del crollo in borsa di Facebook, dovuto allo scandalo legato all’inchiesta sull’utilizzo illegale dei dati da parte di Cambridge Analytica. La questione è molto più semplice di quanto appaia nei colonnini morbosi dei quotidiani online: questa società inglese non ha *esattamente* rubato i dati personali degli utenti. [Continua a leggere su Medium]

Essere scemi nella storia, essere scemi in generale

La tesi più in voga tra i più accreditati opinionisti di destra — tipo il signore con la riga in mezzo e i pantaloni a vita alta che al bar Pippo ogni cazzo di mattina prende il cappuccino tiepido, maledetto selvaggio— è che parlare di fascismo, nel 2018, è stupido, perché il fascismo è un fenomeno storico di 80 anni fa, e che i politici di sinistra dovrebbero occuparsi di cose concrete e attuali, tipo gli immigrati, l’Irpef e il topinambur. [Continua a leggere su Medium]

Il gasolio

L’imbarazzo di me che vado a mettere il gasolio alla macchina e trovo - Servito- Self- Self 24h- Ultra Self- Servito con sufficienza- Self senza mani- Self ma con omino vestito da benzinaio che fa la finta- Self con omino in borghese che si finge cliente- Self con rappresentativa del sud est asiatico - Self con omino che ti giudica e disapprova e poi, del tutto casualmente, riesco a infilarmi nella corsia del self service e trovo - benzina super- diesel, - blu diesel+- blu diesel tech- diesel super strong,- diesel energy power, - diesel++...

In morte di Luciano Rispoli alla luce del contributo di Fidel Castro alla “mattissima idea” di preserale.

Per capire quanto fosse educato e pacato Luciano Rispoli si consideri solo questo piccolo aneddoto: una mattina di primavera di fine anni 80, forse l’88, Luciano era in aeroporto ad attendere il volo per Milano; un ragazzino, scappato rapidamente dal controllo della madre, gli si avvicina — forse avendolo riconosciuto come “il signore che sorride in tivvù” — e, con la spontaneità dei bimbi, gli dice “‘ignore, io ‘i conosco, io ‘i conosco” e il buon Luciano, quasi senza muovere le articolazioni del robusto collo, “non sono io, l’uomo che hai riconosciuto in TV, ma ‘ei ‘u...

5 curiosità su Paolo Limiti, un uomo garbato e preparato che tanto ha dato alla TV

1. era così garbato che per prendere la teglia dal forno invece delle presine era solito usare delle orate legate a coppie con dello spago 2. era così garbato e preparato che certe volte gli capitava di piangere davanti al semplice presentimento che il suo interlocutore potesse avere dei calli alle dita dei piedi3. era così garbato, preparato e competente che spesso prima di andare in onda studiava in un angolo qualche passo della Gerusalemme Liberata, evitando ogni commento4. era così garbato, preparato, competente ed educato che Mattarella ancora ci si fa delle...

Il grosso problema dell’unico vero Dio

Il problema dell’unico vero Dio è un problema annoso e importante, rispetto al quale hanno dibattuto centinaia di teologi e filosofi nella storia. Nonostante ciò, mi pare che non si sia ancora colto il punto, né la gravita della questione e le possibili conseguenze. Affrontiamolo. Le religioni attualmente in voga sono quasi tutte monoteiste, per ognuna di esse c’è un solo vero dio, e tutti gli altri sono falsi. Ora, i casi normalmente presi in considerazione sono 2:- una sola delle religioni ha ragione, e tutte le altre in effetti sbagliano- nessuna delle...

Le beatitudini

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.Beati quelli che riescono a inserire una chiavetta USB a primo colpo.Beati i miti, perché erediteranno la terra.Poveri in spirito e miti, perciò, prenderanno rispettivamente cielo e terra. Beati gli afflitti, perché saranno consolati. Dopo due consolazioni però vale come concupiscenza e si ritorna al via.Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Ma uno per volta. Ci sono milioni di casi di bambini morti di fame. Non conosco un solo bambino che sia morto di fame-nel-mondo....

Premio Treccani Web per Virginia che non si muove

La Treccani, bontà sua, ha scelto Virginia che non si muove per il Premio Treccani Web,  un premio dedicato all'"eccellenza del web italiano". Qui il link http://www.premiotreccani.it/virginia-che-non-si-muove.html Che bello. Grazie, Treccani.  

Oggi Kafka avrebbe 133 anni

Oggi Kafka avrebbe compiuto 133 anni. Cioè, se non fosse morto quasi un secolo fa, oggi avrebbe 133 anni. Che è come dire che sarebbe morto da almeno 50 anni, perché nessuno campa fino a 133 anni. Cosa sarebbe cambiato? Probabilmente avrebbe scritto qualche altro capolavoro della letteratura, ma forse no, forse avrebbe fatto la fine di quei cantanti che dopo due album eccezionali finiscono a fare le cover del proprio rimpianto alla festa del sarbocco dolce di Saltincazzo Marina. Probabilmente avebbe continuato a scrivere sul suo diario, che poi è la sola cosa che davvero...

La mano moscia

Ma uno che quando dà la mano ha la mano moscia, lo sa di avere la mano moscia? Si rende conto di porgere una mano molliccia e inerme come un filetto di platessa in umido e, consapevolmente, decide di abbandonarla nella mano tesa come uno scroto vuoto? O forse pensa che siano gli altri ad essere volgari bruti stritolatori di mani? La sindrome della mano moscia non sarà mica dovuta ad una scarsa comunicazione tra cervello e filetto di platessa? E in questo caso, perché la comunità scientifica non si attiva per far fronte a un problema che sta diventando progressivamente...

Su RadioDue da I Sociopatici

Oggi sono stato a trovare quella bella guagliona di Andrea Delogu, su Rai Radio Due, ospite della trasmissione I Sociopatici. Abbiamo parlato di vangeli, Social, aree del trapezio e altre amenità. Qui il podcast della puntata 

Su Linus

E insomma, da questo mese potrà capitarvi di trovare delle mie cose su una rivista che è nata 9 anni prima di me. Sono molto orgoglioso perché è una rivista che mi piace e perché oltre a me ci scrive gente con alcune palle;  approfitto inoltre per salutare la mia mamma che  proprio qualche giorno fa mi ha regalato dei barattoli di pomodori a pezzetti che sono la fine del mondo. In questo numero, quello di novembre, si parla di supereroi, e il mio pezzo si intitola "Flemma atomica e bonifico nucleare". Comunque Snoopy è pur sempre un cane, non gli chiederei di fare cose...

Profezie semiserie (ma proprio nel senso di cazzate a vapore) sul futuro di Internet

Settembre andiamo, è tempo di Piacere.Nel numero di settembre del prestigioso mensile umbro di costume e società, una mia intervista su argomenti scottanti quali Internet, social network, badanti in disuso, peli. Qui http://www.piaceremagazine.it/ anche la versione online, fantasticamente sfogliabile.Cordiali saluti e molto riposo per gli affaticati.  

Memoria

Non ho memoria. Lo sanno tutti. Zero proprio. Poi però il mio cervello consuma byte per ricordarsi cose tipo- la data di nascita di Giovanni Stroppa, indimenticata riserva del Milan degli anni 90- il pin del bancomat scaduto 4 anni fa- la filastrocca “Sul tagliere l’aglio taglia,non tagliare la tovaglia. La tovaglia non è aglio: se la tagli fai uno sbaglio.” No, ma bravo cervello, davvero un comportamento molto maturo.

Corpus Domini

Oggi si festeggia il Corpus Domini. La solennità del Corpus Domini nacque nel 1247 in Belgio per celebrare la reale presenza di Cristo nell'eucarestia in reazione alle tesi dell'eretico Berengario di Tours, secondo il quale la presenza di Cristo non era reale, ma solo simbolica. Il Corpus Domini, una festività alla quale sono molto legato, ribadisce insomma come l'Eucarestia DOP contenga solo corpo di Cristo puro al 100%, non come le Eucarestie cinesi che si trovano al supermercato, prodotte con succhi di Cristo e allungate con la soia. Quelle eucarestie finte possono al...

Il regno dei cieli

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che riescono a inserire una chiavetta USB a primo colpo.
Beati i miti, perché erediteranno la terra.
Poveri in spirito e miti, perciò, prenderanno rispettivamente cielo e terra.
Beati gli afflitti, perché saranno consolati. Dopo due consolazioni però vale come concupiscenza e si ritorna al via.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. Ma uno per volta. Ci sono milioni di casi di bambini morti di fame. Non conosco un solo bambino che sia morto di fame-nel-mondo.
Resta ancora da assegnare l’acqua degli oceani.
Beati i giapponesi perché spenderanno una cazzata per prendersi una sbornia.

Talete di Mileto

Talete di Mileto è universalmente considerato il primo filosofo del pensiero occidentale. Grazie a questa fama, riconducibile a un giudizio espresso da Aristotele nella Metafisica, tutti quelli di prima sono universalmente considerati come una banda di cazzari.

Gesù non torna, ma se torna

Il problema è che da quando Noé ha salvato l’umanità dal diluvio a quando è arrivato Gesù sulla terra non è successo quasi niente di scientificamente rilevante. La ruota, il fuoco, l’aratro, erano già stati inventati prima. Da lì in poi la gente ha continuato a fare quello che aveva sempre fatto: seminare cereali, allevare mucche, costruire statuette. Se però Gesù tornasse ora troverebbe una quantità di scoperte scientifiche e di strumenti tecnologici, oltre che di mutamenti socioculturali, che probabilmente non riuscirebbe a farsi riconoscere dai fedeli. Che fai, moltiplichi gli iPhone e mandi in cassa integrazione tutti i trecentomila operai della Foxconn di Shenzen? Scacci i demoni dagli epilettici col rischio che l’Associazione Epilettici ti faccia un culo così? Moltiplichi i pesci e ti metti contro tutti i vegani del mondo? Io penso che se Gesù tornasse oggi sulla terra, la cosa più eccezionale che potrebbe fare sarebbe aggiungere a Facebook la possibilità di scoprire chi ha visitato il tuo profilo.
[Il Vangelo di Azael 15,10]

Seguimi sui Social

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Twitter
Instagram

Archivio